Utilizzare il Windows Software Licensing Tool

Riepilogo
Livello tecnico: Intermedio/Avanzato Si applica a: Windows 7 Descrizione ed utilizzo dello strumento a linea di comando per l'attivazione delle licenze di Windows 7.
Dettagli
 

Introduzione

 

Tutti gli utenti di Windows sanno che ogni licenza del sistema operativo dev'essere attivata prima che sia possibile utilizzarla appieno. Il processo di attivazione è eseguito dal Windows Software Licensing Tool, implementato in un file VBScript denominatoSlmgr.vbs, memorizzato in una cartella all'interno della cartella %SYSTEMROOT% (la posizione esatta può variare in base alla versione del sistema operativo). Lo script può eseguire molteplici e diverse operazioni e può anche essere invocato manualmente da un amministratore di sistema per eseguire un insieme di attività relative all'amministrazione delle licenze di Windows.
Poichè questo strumento è, in pratica, un file VBScript, la sua esecuzione causerà la visualizzazione da parte del sistema di una finestra di dialogo intitolata "Windows Script Host" che visualizzerà il risultato dell'esecuzione del comando.

 

 

Sintassi ed opzioni

 

La sintassi standard dello script Slmgr.vbs è la seguente

 
slmgr.vbs [MachineName [User Password]] [<Option>]

 

Le opzioni della linea di comando per Slmgr.vbs sono le seguenti

  • [MachineName] - Nome di una macchina remota. Il valore predefinito è rappresentato dalla macchina locale;
  • [User] - Account che gode delle autorizzazioni richieste sulla macchina;
  • [Password] - Password dell'account.
  • [<Option>] - Opzioni aggiuntive.

Ogni opzioni aggiuntiva è descritta nelle seguenti sotto-sezioni.


Opzioni globali
  • /ipk product_key - Prova ad installare una chiave prodotto nel formato 5×5. La chiave prodotto fornita dal parametro è confermato ocme valido ed applicabile al sistema operativo installato. In caso negativo, viene restituito un errore. Se la chiave è valida ed applicabile, è installata. Se una chiave è già installata, viene silennziosamente sostituita.
  • /ato [Activation ID] - Per le edizioni Retail e Volume Systems con una chiave host KMS o una chiave di installazione multipla (Multiple Activation Key, MAK) installata, /ato chiede a Windows di provare ad eseguire l'attivazione onelin. Per i sistemi con una Generic Volume License Key (GVLK) installata, prova ad eseguire un'attivazione KMS. I sistemi che non sono stati impostati per la sospensione dei tentativi di attivazione automatica KMS (/stao) continuano a provare ad eseguire l'attivazione KMS when /ato è eseguito. Il parametro [Activation ID] estende il supporto di /ato all'identificazione di un'edizione di Windows installata sul computer. Specificare il parametro[Activation ID] isola gli effetti dell'opzione all'edizione associata a quell'ID di attivazione.
  • /dli [Activation ID | All] - Visualizza le informazioni di licenza. Per impostazione predefinita, /dli visualizza le informazioni sulla licenza per l'edizione di Windows installata ed attiva. Specificare il parametro[Activation ID] per visualizzare le informazioni sulla licenza per la specifica edizione associata a quell'ID di attivazione. Specificare il parametro[All] per visualizzare le informazioni di licenza applicabili a tutti i prodotti installati.
  • /dlv [Activation ID | All] - Visualizza informazioni di licenza dettagliate. Per impostazione predefinita, /dlv visualizza le informazioni di licenza per il sistema operativo installato. Specificare il parametro[Activation ID] per visualizzare le informazioni di licenza per la specifica edizione associata con l'Activation ID indicato. Specificare il parametro[All] visualizza le informazioni di licenza applicabili a tutti i prodotti installati.
  • /xpr [Activation ID] - Visualizza la data di scadenza dell'attivazione per il prodotto. Per impostazione predefinita, si riferisce all'edizione corrente di Windows ed è utile soprattutto per i client KMS, poichè le attivazioni MAK e retail sono perpetue. Specificare il parametro [Activation ID] visualizza la data di scadenza dell'attivazione dell'edizione specificata associata con l'Activation ID.

Opzioni avanzate
  • /cpky - Rimuove la chiave di prodotto del registro di sistema per evitare la possibilità di appropriazione da parte di codice maligno. Per le installazioni retail che distribuiscono le chiavi, le procedure consigliate raccomandano l'esecuzione di questa opzione. Questa opzione non è richiesta per le chiavi host MAK e KMS, essendo l'impostazione predefinita per queste chiavi.
  • /ilc <license_file> - Installa il file di lecenza specificato dal parametro.
  • /rilc - Installa nuovamente tutte le licenze memorizzate nella cartelle %SystemRoot%\system32\oem e %SystemRoot%\System32\spp\tokens. Queste sono copie “known-good” memorizzate durante l'installazione. Tutte le licenze corrispondenti presenti nel Trusted Store sono sostituite. Tutte le altre licenza—ad esmepio, Trusted Authority (TA) Issuance Licenses (ILs), licenze per applicazioni—non sono modificate.
  • /rearm - Azzera i timers di attivazione. Il processo /rearm è eseguito anche da sysprep /generalize. Questa operazione non eseguirà alcuna azione se la chiave di registro HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\SoftwareProtectionPlatform\SkipRearm ha valore 1.
  • /upk [ActivationID] - Rimuove la chiave prodotto dell'edizione corrente di Windows. Dopo aver eseguito un riavvio, il sistema si troverà in uno stato Unlicensed a meno che non venga installata una nuova chiave di prodotto. Opzionalmente, è possibile utilizzare il parametro [Activation ID] per spceificare un diverso prodotto installato.
Volume Licensing: opzioni KMS Client
  • /skms Name[:Port] | : port [Activation ID] [Activation ID] - Specifica il nome e, opzionalmente, la porta del computer host KMS da contattare. Impostare questo valore disabilita il rilevamento auomatico dell'host KMS. Se l'host KMS host utilizza solo Internet Protocol version 6 (IPv6), l'indirizzo dev'essere specificato nel formato [hostname]:port.
  • /ckms [Activation ID] - Rimuove l'informazione sul nome, l'indirizzo e la porta dell'host KMS specificato e ripristina la modalità di inviduazione automatica dell'host KMS.
  • /skhc - Abilita il caching dell'host KMS (impostazione predefinita), che blocca l'uso della priorità e del peso del Domain Name System (DNS) dopo l'individuazione iniziale di un host KMS operativo. Se il sistema non è più in grado di contattare l'host KMS operativo, verrà tentata nuovamente l'individuazione.
  • /ckhc - Disabilita il caching dell'host KMS. Questa impostazione indica al client di utilizzare l'individuazione automatica DNS ogni volta in cui cerca di eseguire l'attivazione tramite KMS (consigliata quando si utilizzano la priorità ed il peso).

 

Configurazione dell'host KMS
  • /sai <interval> - Imposta l'intervallo in minuti per il tentativo di connessione all'host KMS per i client non attivati. L'intervallo di attivazione dev'essere compreso tra 15 minuti e 30 giorni, benchè sia raccomandato l'utilizzo dell'impostazione predefinita (2 ore). Il client KMS ricava inizialmente questo valore dal registro di sistema, ma commuta all'impostazione KMS dopo aver ricevuto la prima risposta dall'host KMS.
  • /sri <interval> - Imposta l'intervallo di rinnovo in minuti per i client attivati per provare la connessione KMS. L'intervallo di rinnovo dev'essere compreso tra 15 minuti e 30 giorni. Questa opzione è impostata inizialmente sia sul server che sui client KMS. L'impostazione predefinita è 10080 minuti (7 giorni). Il client KMS ricava inizialmente questo valore dal registro di sistema, ma commuta all'impostazione KMS dopo aver ricevuto la prima risposta KMS.
  • /sprt <port> - Imposta il numero della porta su cui l'host KMS ascolta le richieste di attivazione dei client. Il valore predefinito è la porta TCP 1688.
  • /sdns - Abilita la pubblicazione DNS da parte dell'host KMS (impostazione predefinita).
  • /cdns - Disattiva la pubblicazione DNS da parte dell'host KMS.
  • /spri - Imposta la priorità KMS a normale (impostazione predefinita).
  • /cpri - Imposta la priorità KMS a bassa. Utilizzare questa opzione per minimizzare le contese KMS in un ambiente in co-hosting. Notare che l'utilizzo di questa opzione potrebbe portare alla starvation del KMS, in base a quali altre applicazioni o ruoli del server sono attivi. Utilizzare con cautela.

 

Configurazione dell'attivazione basata su token
  • /lil - Elenca le licenze ad emissione di attivazione basata su token installate.
  • /ril <ILID> <ILvID> - Rimuove una licenza ad emissione di attivazione basata su token installata.
  • /stao - Imposta il flag Token-based Activation Only, disabilitando l'attivazione automatica tramite KMS.
  • /ctao - Azzera il flag Token-based Activation Only (impostazione predefinita), abilitando l'attivazione automatica tramite KMS.
  • /ltc - Elenca i certificati validi per l'attivazione basata che consentono di attivare il software installato.
  • /fta <Certificate Thumbprint> [PIN] - Forza l'attivazione basata su toke utilizzando il certificato identificato. Il numero di identificazione personale (PIN) opzionale è fornito per sbloccare la chiave privata senza che venga richiesto un PIN quando si utilizzano certificati protetti dall'hardware (ad esempio, smart cards).

 

 

Informazioni articolo forum


Ultimo aggiornamento settembre 19, 2019 Visualizzazioni 1.372 Si applica a: