[NEWS] Indizi su Batman Arkham City già presenti in Arkham Asylum

Batman: Arkham City Data di uscita: 21 ottobre 2011
Batman: Arkham City è un Action
Sviluppato da Rocksteady Studios
Pubblicato da Eidos

Il sequel di Arkham Asylum, Batman: Arkham City è stato annunciato da Rocksteady pochi giorni fa, ma sembra che il suo sviluppo fosse in programma già da molto tempo. Alcuni giocatori si sono infatti accorti che all'interno del primo titolo della serie ci sono diversi indizi relativi al sequel, uno su tutti una serie di concept art ed una mappa contenuti in una stanza segreta sul retro dell'ufficio di Quincy Sharp. Non è facile trovare la stanza in questione, si può vedere la parete che la nasconde solo con la visuale "detect" di Batman per poi farla saltare con diverse cariche esplosive. Andate a dargli un'occhiata.

http://multiplayer.it/notizie/79740-batman-arkham-asylum-indizi-su-arkham-city-gia-presenti-in-arkham-asylum.html?piattaforma=x360

 

Discussion Info


Last updated July 4, 2018 Views 3 Applies to:

CVG ha intervistato Dax Ginn di Rocksteady, ponendogli alcune domande circa la mancanza del multiplayer, l'importanza delle missioni secondarie e il Detective Mode in Batman: Arkham City.
Secondo Ginn, il gioco vanta una campagna in single player corposa e ben diretta, con un gran numero di missioni secondarie da affrontare e un elevato tasso di rigiocabilità.
"I risultati che abbiamo ottenuto sono soddisfacenti, per cui non volevamo introdurre una modalità multiplayer a tutti i costi, finendo per dividere il team a metà e ottenendo alla fine dei conti qualcosa di meno brillante", ha dichiarato.
E' stato quindi affrontato il tema della libertà d'azione, visto che in Batman: Arkham City i giocatori si troveranno a poter girare liberamente all'interno di uno scenario molto vasto e pieno di cose da fare.
"Sarà possibile esplorare lo scenario in tutte le sue sfaccettature, andare dappertutto, impersonare realmente Batman e dunque non avere limiti di sorta. Ad ogni modo, terremo i giocatori vicini alla trama principale grazie a una serie di soluzioni narrative, attraverso missioni prioritarie che andranno completate prima di altre", ha aggiunto.
Secondo Ginn, la campagna in single player di Batman: Arkham City potrà essere completata in non meno di otto ore, ma adottando un approccio molto frettoloso e senza badare ad alcuna side quest. Insomma, alla fine l'esperienza durerà molto, molto di più.
Infine, si è parlato del Detective Mode e di come sia stato in realtà "abusato" nel primo episodio, con i giocatori che tenevano quasi sempre attivata la visuale "tattica" per non farsi sfuggire oggetti nascosti o eventuali passaggi segreti all'interno delle location. Ebbene, gli sviluppatori hanno provato a risolvere questa problematica aumentando le informazioni ottenute in tale frangente e spronando i giocatori a usare il Detective Mode solo quando necessario.
Verranno inoltre introdotti i boss fight molto prima di quanto accadeva in Batman: Arkham Asylum, con il nostro personaggio che si troverà ad affrontare nemici particolarmente pericolosi già dopo pochi minuti.

Fonte: CVG

Annunciato Gotham City Impostors

Lo sviluppatore di F.E.A.R., Monolith Productions, è al momento al lavoro su Gotham City Impostors, un FPS multiplayer per PlayStation Network e Xbox Live Arcade.

Secondo Kotaku, i giocatori non potranno vestire i panni di Batman ma dovranno personalizzare un "impostore" appartenente alla cerchia degli amici di Batman o a quella dei compagni di Joker.

Impostors permetterà di personalizzare equipaggiamento, aspetto e caratteristiche dei personaggi e di utilizzarli in una serie di mappe e modalità differenti.

Ancora da annunciare la data di lancio del gioco.

Arrivano nuovi conteggi sulla quantità di ore di gioco previste per completare Batman: Arkham City, che si discostano tuttavia sensibilmente da quanto riferito in precedenza da Rocksteady.

In un'intervista pubblicata da CVG eravamo stati messi al corrente del fatto che, seguendo esclusivamente la storia principale e tirando dritto, in poco meno di una decina di ore di gioco si sarebbe potuti arrivare alla conclusione, o almeno questo era il risultato minimo conseguito dai tester, che ovviamente sanno piuttosto precisamente cosa fare.

Il game director Sefton Hill rivela ora invece al Guardian che per portare a termine la storia principale sono necessarie almeno 25 ore di gioco, più altre 15 ore circa per le missioni secondarie, cosa che restituisce un totale di 40 ore di gameplay per la nuova avventura di Batman. La stima appare dunque alquanto differente nelle due diverse occasioni: qual è quella realistica? Trattandosi di ore di gioco, molto dipende ovviamente dallo stile del giocatore stesso, è probabile che una quota intermedia tra quanto rivelato in precedenza e le recenti 40 ore possa rappresentare una proiezione realistica. In ogni caso, quello su cui gli sviluppatori insistono particolarmente è l'abbondanza di missioni secondarie ed azioni facoltative messe a disposizione del giocatore in giro per Arkham City, personalizzando e ampliando a piacere, in questo modo, l'esperienza di gioco.

Fonte: The Guardian



Secondo quanto riportato dal forum Arkhamcity.co.uk, Rocksteady ha diffuso un’immagine che può portare a pensare che Il Pinguino farà la sua comparsa sul prossimo Batman: Arkham City.

Sebbene non ci sia in alcun modo l’ufficialità, l’immagine di apertura sembra infatti ritrarre proprio Il Pinguino. Secondo il forum, Dax Ginn, manager del marketing di Rocksteady, avrebbe così dichiarato a un quotidiano australiano:

«Il modo con il quale Pinguino è sempre stato ritratto è come un aristocratico, un gentiluomo dalle buone maniere che ha questi folli deliri d’onnipotenza. Quindi lo abbiamo fatto veramente orribile, ma comunque con i suoi deliri d’onnipotenza. Si veste bene, ma ha cattivo gusto, e lo abbiamo reso piuttosto brutale»

Aspettiamo conferme o smentite ufficiali. Batman: Arkham City è atteso in uscita per il 21 ottobre.